Neopatentati: quali sono i limiti?

Con il fine di garantire una maggiore sicurezza sulle strade italiane, nel 2011 sono stati introdotti alcuni limiti per i neopatentati, cioè per coloro che si presume non abbiano ancora l’esperienza al volante necessaria per fronteggiare determinate situazioni.

Il neopatentato è considerato tale per 3 anni dal conseguimento della patente. Gli stranieri residenti in Italia da almeno un anno, possono richiedere la conversione della loro patente in una patente italiana. A prescindere dall’età del conducente o dagli anni in cui è in possesso della patente straniera, al momento della conversione sarà considerato anch’egli un neopatentato.

Ma quali sono i limiti per un neopatentato?

Nel dettaglio, i limiti di velocità da rispettare saranno di:
100 km/h in autostrada; 90km/h nelle strade extra-urbane.

Esiste anche un limite di un anno per chi consegue la patente B: la potenza specifica del veicolo, L’automobilista, infatti, non potrà guidare automobili aventi potenza superiore a 55 kW per tonnellata. Le limitazioni non si applicano su veicolo adibiti al trasporto di persone invalide se l’invalido è presente sul veicolo.

E’ possibile verificare l’idoneità di un veicolo sul portale dell’automobilista.

Inoltre la legge, oltre a vietare in assoluto l’assunzione di alcool ai neo patentati, stabilisce che un’infrazione che preveda il decurtamento di punti dalla patente, sia punita con il doppio della pena (saranno sottratti 10 punti invece di 5).