Cellulari: informativa sui rischi per la salute

Il Tar del Lazio chiede di adottare una campagna informativa sui rischi conseguenti l’uso improprio degli smartphone.

Già dal 2012, il Ministero della salute evidenziava come il problema fosse sotto la sua attenzione in seguito alla classificazione di “agente possibilmente cancerogeno per l’uomo (categoria 2B) per i campi elettromagnetici in radiofrequenza” da parte dell’ Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro.

Partendo da ciò, il Ministero della salute aveva dunque confermato che la campagna di informazione era in fase di sviluppo, ma, nonostante il grande lasso di tempo intercorso, il T.A.R. non può che rilevare come tale campagna non risulti essere stata ancora presentata.

Di conseguenza. il tribunale dichiara l’obbligo di provvedere ad attuare una campagna informativa, rivolta all’intera popolazione, che descriva le corrette modalità d’uso degli smartphone ed i conseguenti rischi per la salute e per l’ambiente derivanti da un loro uso improprio. Il termine massimo di adempimento è di 6 mesi.